Pinze - tipi e usi

Forme standard dei becchi

Per la forma dei becchi si distinguono tre varianti basilari: diritto, mezzotondo e tondo. Per lavori particolari sono inoltre disponibili esecuzioni speciali, ad es. le pinze per meccanica.

becchi piatti, per una presa sicura nelle pinze universali
becchi mezzotondi, pinze per telefonisti, le cui punte sottili e affusolate possono essere utilizzate anche per la saldatura

becchi tondi, adatti nelle pinze per elettronica per piegare i fili ad asola

 

Direzione e posizione dei taglienti

Per poter tagliare fili di diversi materiali e spessori, sono necessarie pinze per tagliare di speciale conformazione. I tronchesi si suddividono in tronchesi con tagliente frontale, laterale e centrale.

 

I tronchesi con tagliente laterale sono le pinze per tagliare più comunemente utilizzate e sono disponibili in diverse lunghezze e per i più svariati materiali.
I tronchesi con tagliente centrale offrono un’elevata stabilità di taglio con un angolo di taglio ottimale, cioé con una forza di penetrazione relativamente limitata del tagliente nel filo, il che riduce la forza manuale da applicare.
I tronchesi con tagliente frontale e inclinato vengono utilizzati laddove l’accesso al filo è possibile soltanto dal lato anteriore (inclinato). Questo caso si può presentare quando p. es. un filo deve essere tagliato raso su una superficie. (Con un tronchese a tagliente laterale, le dita attorno al manico intralcerebbero il taglio).

 

 

Forma dei taglienti

Nell’ambito delle pinze per tagliare, si distinguono tre diversi tipi di taglienti:

 

Taglienti con sfaccettatura adatti, in base al modello della pinza, per tutte le classi di filo metallico.
Taglienti con piccola sfaccettatura adatti, in base al modello, per tutte le classi di filo metallico ad esclusione del filo armonico.
Taglienti senza sfaccettatura adatti solo per materiali dolci.